sabato 20 ottobre 2012

I BIANCOAZZURRI SFIORANO IL COLPACCIO


L'ATLETICO IMBATTUTO A GENZANO

I RAGAZZI DI BELFIORI METTONO IN CRISI I CAMPIONI USCENTI DELLA POLISPORTIVA


“Se vuoi essere il migliore, devi batterti con i migliori”. Tanto nella vita, quanto nel calcio a 5. Lo scontro diretto con la Polisportiva Genzano, una delle favorite del torneo, ha costituito il battesimo del fuoco per i ragazzi dell’Atletico Pavona.

A far da cornice alla partitissima il Palazzetto dello Sport di Genzano intitolato a Gino Cesaroni, il campo che calcano i campioni di seria A della Cogianco e che, qualche settimana fa ha visto protagonisti gli Azzurri di Menichelli.

Mister Fabio Belfiori esordisce al Palacesaroni partendo con Alessandro Sambucini, Matteo Cefola, Alessandro Vassallo, Alex Toppi e Davide Breteni. Per entrambe le squadre i primi dieci minuti sono di studio e, tranne qualche inoffensiva conclusione in porta, il gioco rimane concentrato a centrocampo. A sconvolgere gli equilibri è il capitano pavonense. Servito sulla sinistra da Riccardo Schininà, Simone Giustinelli punisce i campioni in carica con un tiro di precisione che supera l’estremo difensore genzanese. 0 a 1 e l’Atletico Pavona comincia a crederci. Passano pochi minuti e una svista arbitrale regala il pareggio ai padroni di casa. I pavonensi risentono del contraccolpo e qualche azione dopo, su una marcatura mancata, capitan Giustiniani e compagni portano in vantaggio la Polisportiva di Genzano. Ma l’Atletico Pavona c’è e non si arrende. Allo scadere della prima frazione di giuoco,  Breteni calcia con violenza e precisione un pallone che va a incastrarsi alla sinistra del portiere.

Il secondo tempo si riapre sulla falsa riga del primo. I genzanesi non riescono a far fronte alla velocità degli ospiti e la partita si scalda dal punto agonistico. A farne le spese è proprio Breteni che, a cinque minuti dall’inizio dalla ripresa, subisce un duro intervento da dietro da parte del centrale difensivo Matteo Battisti. Giusta ammonizione per il giocatore genzanese. Polisportiva di nuovo in vantaggio grazie ad una punizione dalla trequarti.  La tensione è alle stelle , con i padroni di casa che sentono vicina una inaspettata vittoria e i ragazzi di Belfiori che proprio non ci stanno, al termine di una gara gagliarda e combattuta, a lasciare a mani vuote il Palacesaroni. Dalla panchina Giustinelli senior incoraggia i suoi ragazzi e li sprona a non mollare. Detto, fatto. Vassallo dalla destra beffa l’estremo difensore avversario e agguanta un sudatissimo pareggio. Fino all’ultimo secondo del match le occasioni si susseguono su entrambi i fronti, ma il punteggio finale del 3 a 3 segna la fine dell’incontro.

A fine match Marco Giustinelli, smorza i toni: “Bella gara, combattuta dal primo all’ultimo minuto. Da una parte esperienza e mestiere, dall’altra dinamismo e tanta voglia di far bene in casa di una delle sicure protagoniste del Girone A. Alla fine un risultato tutto sommato giusto, anche se , per mole di gioco e tiri in porta se c’è una squadra che potrebbe recriminare qualcosa, questa è sicuramente l’Atletico Pavona. Sul goal regalato agli avversari sono rimasto stupefatto: l’arbitro ha indicato una punizione indiretta alzando il braccio e poi ha convalidato la rete con il pallone che è stato calciato direttamente in porta, senza essere stato toccato da nessuno. Lo stesso Direttore di gioco ha ammesso l’errore nell’intervallo, ma va bene così. Anche gli arbitri sono dei giovani che fanno sport e che debbono fare esperienza e migliorare come gli altri ventiquattro atleti in campo. Un errore ci può stare, anche se clamoroso. La prossima volta, prenderà spunto dall’ errore commesso, per non ripeterlo. Noi società dobbiamo imparare a tutelare anche i direttori di gioco. Rappresentano, occorre non dimenticarlo mai, un patrimonio di tutto il movimento. 
Sulla prestazione dei miei ragazzi, solo applausi. E una menzione particolare a Matteo Cefola, che ha disputato una gara superlativa e a Riccardo Schininà, finalmente sugli standard eccellenti che gli sono propri. La palla che ha servito a Simone per il primo goal è sicuramente da applausi. Felici cresce partita dopo partita e tra non molto vedremo il vero “Prince” in campo. E complimenti a Fabio Belfiori che sta confermando sul campo la fiducia che la Società gli ha accordato. Un ultimo pensiero va al nostro meraviglioso pubblico che ci ha seguito e sostenuto per tutta la durata della gara. Sono felice perché un modo diverso di intendere il calcio, passa da un modo nuovo di intendere il tifo, senza insulti agli avversari e all’arbitro, ma solo un costante e appassionato sostegno ai propri colori.”

Mirko Giustini
Ufficio Stampa Atletico Pavona

Nessun commento:

Posta un commento